Visualizzazioni totali

Cerca nel blog

Translate

Sweden is at war" jihad Erdogan attacked her

https://worldisraelnews.com/analysis-democrats-refuse-to-confront-hate-when-its-on-their-team/



Lion Judah☦️ lorenzoJHWHa minute ago


"Sweden is at war" jihad Erdogan attacked her!
by Judith Bergman
19 August 2019 gatestoneinstitute org/14750/sweden-in-war
these dirty things to make dirty films (Rothschild x6x6x6 Obama) then, they went on to confront civilly with the sharia,
that in London all ills are treated on the tip of the jihad sharia knife, too.
for now Macron puts on doggy style and satisfies Mohammed and for now all is well: for him!





Lion Judah☦️ lorenzoJHWHa minute ago Hold on, this is waiting to be approved by World Israel News.


"Sweden is at war" jihad Erdogan attacked her!
by Judith Bergman
19 August 2019 https://it.gatestoneinstitu...
these dirty things to make dirty films (Rothschild x6x6x Obama) then, they went on to confront civilly with the sharia,
that in London all ills are treated on the tip of the jihad sharia knife, too.
for now Macron puts on doggy style and satisfies Mohammed and for now all is well: for him!


Lion Judah☦️ lorenzoJHWH2 minutes ago Hold on, this is waiting to be approved by World Israel News.


"Sweden is at war" jihad Erdogan attacked her!
by Judith Bergman
19 August 2019 //it gatestoneinstitute org/14750/sweden-in-war
these dirty things to make dirty films (Rothschild xxx Obama) then, they went on to confront civilly with the sharia,
that in London all ills are treated on the tip of the jihad sharia knife, too.
for now Macron puts on doggy style and satisfies Mohammed and for now all is well: for him!




skier69an hour ago


VOTE RED, #MAGA TRUMP. Lets put the demonrats to bed and out of office

Ruth Brochan hour ago


The Democrat Party of today is now the New Nazi Socialist Party of America - just as it was the party of slavery, Jim Crow, the KKK, racial segregation, the racist internment of Japanese Americans in WWII, etc. Any Democrat who professes to be pro-Israel and non-Jew haters, should immediately leave that party. They can't say "they didn't know".https://worldisraelnews.com/analysis-democrats-refuse-to-confront-hate-when-its-on-their-team/






sandraleesmith46an hour ago


When hate is ALL you have, it's hard to condemn it and let it go!https://worldisraelnews.com/analysis-democrats-refuse-to-confront-hate-when-its-on-their-team/


George36 minutes ago


What a pathetic group of mongoloids, especially that Nancy Pelosi who always seems to be grinding her teeth. The old cow should have retired a long time ago when she still had the capacity to think !!!https://worldisraelnews.com/analysis-democrats-refuse-to-confront-hate-when-its-on-their-team/


Will-BWL40 minutes ago


Talk about Ignorant people Democrats in the congress have not concept of the world at all. Not one of them is up to the job. They continue to practice anti Semitism, in Congress, like Bernie Sanders, or the New Nay Sayer AOC. I wonder where they came to understand their people, or not I have no confidence in Congress. I hope the Democrats are understanding what will soon be coming down in their lap. The Arabs have no Idea. Palestinians with Nuclear missiles fly will find themselves turned to Ash. Israel is very same and Iran is already playing with multiple war heads. Merv's they want they will get.https://worldisraelnews.com/analysis-democrats-refuse-to-confront-hate-when-its-on-their-team/


6knotsan hour ago


The Democrats need to follow the dinosaurs into extinction.https://worldisraelnews.com/analysis-democrats-refuse-to-confront-hate-when-its-on-their-team/





Lion Judah☦️ lorenzoJHWH23 minutes ago • edited


18_18 vs Lion Judah☦️ lorenzoJHWH • worldisraelnews com/israel-agrees-to-exclude-territory-captured-in-1967-from-trade-deal/
Tu eres loco en la cabeza.
answer
tu non dovresti essere geloso che il tuo Satana dagli USA lui si trasferirà e andrà a vivere in Europa dalla MERKEL.
perché in quel tempo: USA e Canada non esisteranno più:
saranno stati tutti uccisi dal asteroide la Sfera della Redenzione!

you should not be jealous that your Satan from the USA he will move will go to live in Europe by MERKEL.
because at that time: USA and Canada will no longer exist:
all the Sphere of Redemption will have been killed by the asteroid!

no debes estar celoso de que tu Satanás de los EE. UU. se mudará a MERKEL a vivir a Europa.
porque en ese momento:USA y Canada ya no existirán:
¡Toda la Esfera de la Redención habrá sido asesinada por el asteroide!

•https://worldisraelnews.com/analysis-democrats-refuse-to-confront-hate-when-its-on-their-team/



Lion Judah☦️ lorenzoJHWH35 minutes ago


Gaza to Israel: "we are a jihad volcano boiling sharia Erdogan IRAN, and the leadership of the Zionist enemy plays with fire"
answer.
the Mohammedans Allahu akbar death to all the infidels,
should they tell me who their friends are?
then, they should also explain to me why they didn't grant their friends freedom of religion (assuming they can find friends)
but I don't think the ARABIC LEAGUE could find friends!

•https://worldisraelnews.com/analysis-democrats-refuse-to-confront-hate-when-its-on-their-team/



Richard DiBenedettoan hour ago


American Jews are more threatened by Trump's White Supremacist followers in the United States than Israel is threatened by two duly elected junior freshmen Muslim Congressional Representatives on a fact finding mission to Israel and the West Bank, all US Constitutional Rights and Israeli Policies considered.

•https://worldisraelnews.com/analysis-democrats-refuse-to-confront-hate-when-its-on-their-team/




Ivan Todd Girnus Richard DiBenedetto15 minutes ago


Wow, You really are drinking that cool aid! Trump's White Supremacist? I'm white and and voted for Trump so that makes me a supremacist I guess in your small minded world. Try turning off CNN and think for yourself .

Analysis: Democrats refuse to confront hate when it’s on their side
Democratic leaders like Steny Hoyer of Md. and Nancy Pelosi of Calif. rallied around Reps. Ilhan Omar and Rashida Tliab. (AP/J. Scott Applewhite)
Analisi: i democratici si rifiutano di affrontare l'odio quando è dalla loro parte
19 agosto 2019
Analysis: Democrats refuse to confront hate when it’s on their side
Leader democratici come Steny Hoyer di Md. E Nancy Pelosi di California si sono radunati attorno alle Rep. Ilhan Omar e Rashida Tliab. (AP / J. Scott Applewhite)
E-mail Stampare

I liberali sembrano operare secondo un doppio standard quando l'odio emana dal loro lato della navata.

Di Daniel Krygier, World Israel News

La decisione israeliana di vietare l'ingresso alle donne del Congresso pro-BDS Rashida Tlaib e Ilhan Omar è stata ampiamente condannata dai democratici e dai loro sostenitori. Ma un divieto analogo nel 2000 di un leader di estrema destra rivela che sembrano operare secondo un doppio standard.

Tlaib e Omar sono virulentemente anti-Israele, i primi membri del Congresso a sostenere un boicottaggio dello stato ebraico. La loro risoluzione BDS ha effettivamente invocato i nazisti.

Omar si è impegnato nei tropi antisemiti. Tlaib ha descritto l'Olocausto come dandole una sensazione "calmante" nella sua lettura ahistorica e capovolta del comportamento arabo durante il periodo nazista.

Entrambi collaborarono con un'organizzazione antisemita, Miftah, che organizzò il loro viaggio ormai cancellato in Israele.

Tutto ciò suggerisce che hanno una mentalità razzista quando si tratta di ebrei.

Ma quando la politica dell'odio si fonde in un'alleanza tra la sinistra radicale e l'Islam radicale, i democratici si rifiutano di chiamarla con il suo nome. In effetti, i democratici si sono precipitati a difesa di Omar e Tlaib con un gruppo di alti leader del partito che avrebbero riferito rappresaglie contro l'ambasciatore israeliano negli Stati Uniti Ron Dermer e l'ambasciatore americano in Israele David Friedman.

Gli esperti che hanno preso la parte delle donne al congresso hanno tentato di capovolgere la verità e accusare Israele di razzismo, suggerendo che i due erano esclusi perché musulmani e "donne di colore". Questo non ha nulla a che fare con la realtà.

Se Israele fosse veramente "razzista" e "anti-musulmano", escluderebbe gli arabi israeliani da posizioni ufficiali. Arabi e musulmani hanno prestato servizio nella Knesset israeliana sin dalle prime elezioni del paese nel 1949.

Attualmente, 12 membri della Knesset sono arabi e la maggior parte di loro è musulmana. La maggior parte sono critici vocali di Israele. Inoltre, i cittadini delle minoranze arabe israeliane continuano a servire come giudici della Corte Suprema, diplomatici, medici, avvocati, scienziati, accademici e ufficiali dell'IDF.

In realtà, Israele tollera una vasta gamma di opinioni politiche, che vanno dall'estrema destra all'estrema sinistra. La democrazia israeliana consente ai critici virulenti dello stato ebraico di servire nella Knesset.

Ma Omar e Tlaib sostengono il BDS e Israele ha una legge che vieta ai sostenitori del movimento che cerca la sua distruzione - una legge, vale la pena notare, che è stata approvata dopo un intenso dibattito democratico.

La vera ragione per cui sono stati banditi è che il loro viaggio è stato inteso come una provocazione, come dimostra il loro itinerario verso la "Palestina", che non ha menzionato Israele. Nella storia delle relazioni USA-Israele, nessun alto funzionario americano, democratico o repubblicano, ha mai mostrato una tale ostilità nei confronti dello stato ebraico.

I democratici hanno fatto molto del fatto che una società tollerante non dovrebbe avere paura delle critiche. Dovrebbe essere aperto ai visitatori. Ciò dimostra un severo doppio standard.

Nel 2000, quando Israele vietò al leader austriaco di estrema destra nazista Jörg Haider, le élite liberali occidentali applaudirono alla mossa.

Il tono dell'Unione europea nei confronti dell'Austria è stato fissato dal Portogallo, che deteneva la presidenza di turno dell'UE. L'ex primo ministro socialista portoghese Antonio Guterres ha affrontato la questione di Haider: "Il problema non è Jörg Haider ma ciò che rappresenta il suo partito". Da ciò, Gutteres si riferiva alle radici naziste del Partito della Libertà.

Lo stesso Gutteres è oggi l'attuale segretario generale delle Nazioni Unite, un'organizzazione non nota per mostrare sentimenti di calore nei confronti dello stato ebraico.

Anche gli Stati Uniti si sono uniti al boicottaggio contro Haider. Il presidente Bill Clinton ha temporaneamente ricordato l'ambasciatore americano in Austria.

L'allora segretaria di Stato americana Madeleine Albright non ha sminuito le sue parole quando si è rivolta al governo austriaco: "Abbiamo deciso di limitare i nostri contatti con il nuovo governo e vedremo se sono necessarie ulteriori azioni per far avanzare il nostro sostegno ai valori democratici".

All'epoca, Albright ha sottolineato che in un governo europeo non dovrebbe esserci posto per un partito politico che "non si allontani chiaramente dalle atrocità dell'era nazista e dalla politica dell'odio".

Le loro azioni, francamente, devono essere applaudite.

Il punto è che i democratici non hanno avuto problemi a prendere le distanze dai politici odiosi, in particolare quando quell'odio era radicato nella destra politica.

Le opinioni espresse da Omar e Tlaib non sono meno odiose. Piuttosto che tollerare il loro marchio di intolleranza islamista di sinistra, i democratici farebbero bene a condannare l'odio in tutte le sue forme e da qualunque parte del corridoio politico che provenga.

Liberals appear to operate according to a double standard when hate emanates from their side of the aisle.

By Daniel Krygier, World Israel News

Israel’s decision to bar entry to pro-BDS Congresswomen Rashida Tlaib and Ilhan Omar was widely condemned by Democrats and their supporters. But a similar ban in 2000 of a far-right leader reveals they appear to be operating by a double standard.

Tlaib and Omar are virulently anti-Israel, the first members of Congress to support a boycott of the Jewish state. Their BDS resolution actually invoked the Nazis.

Omar has engaged in anti-Semitic tropes. Tlaib has described the Holocaust as giving her a “calming” feeling in her ahistorical, upside-down reading of Arab behavior during the Nazi period.

Both partnered with an outright anti-Semitic organization, Miftah, which organized their now-cancelled trip to Israel.

All of this together suggests they hold a racist mindset when it comes to Jews.

But when the politics of hate merge in an alliance between the radical Left and radical Islam, Democrats refuse to call it by its name. Indeed, Democrats have rushed to the defense of Omar and Tlaib with a group of senior party leaders reportedly mulling reprisals against Israeli Ambassador to the U.S. Ron Dermer and U.S. Ambassador to Israel David Friedman.

Pundits who’ve taken the congresswomen’s side have attempted to turn the truth on its head and accuse Israel of racism, suggesting that the two were barred because they are Muslim and “women of color.” This has nothing to do with reality.

If Israel were truly “racist” and “anti-Muslim,” it would bar Israeli Arabs from official positions. Arabs and Muslims have served in the Israeli Knesset since the country’s first election in 1949.

Currently, 12 members of Knesset are Arab, and the majority of them are Muslims. Most are vocal critics of Israel. In addition, Israel’s Arab-minority citizens continue to serve as Supreme Court judges, diplomats, doctors, lawyers, scientists, academics and IDF officers.

In reality, Israel tolerates a wide range of political views, ranging from the far-right to the far-left. Israel’s democracy enables virulent critics of the Jewish state to serve in the Knesset.

But Omar and Tlaib support BDS, and Israel has a law barring supporters of the movement that seeks its destruction – a law, it is worth noting, which was passed after intensive democratic debate.

The real reason they were banned is that their trip was meant as a provocation, as evidenced by their itinerary to “Palestine,” which made no mention of Israel. In the history of U.S.-Israeli relations, no senior U.S. official, Democrat or Republican alike, has ever displayed such overt hostility towards the Jewish state.

Democrats have made much of the fact that a tolerant society shouldn’t be afraid of criticism. It should be open to visitors. This demonstrates a stark double-standard.

In 2000, when Israel barred Austria’s Nazi-sympathizing, far-right leader Jörg Haider, Western liberal elites applauded the move.

The European Union’s tone towards Austria was set by Portugal, which held E.U.’s rotating presidency. The former Socialist Portuguese Prime Minister Antonio Guterres addressed the Haider issue: “The problem is not Jörg Haider but what his party represents.” By that, Gutteres was referring to the Freedom Party’s Nazi roots.

The same Gutteres is today the current Secretary-General of the United Nations, an organization not known for displaying any warm feelings towards the Jewish state.

The United States also joined the boycott against Haider. President Bill Clinton temporarily recalled the U.S. ambassador to Austria.

Then-U.S. Secretary of State Madeleine Albright did not mince her words when addressing Austria’s government: “We have decided to limit our contacts with the new government, and we will see whether further actions are necessary to advance our support for democratic values.”

At the time, Albright stressed that there should be no place in a European government for a political party that “doesn’t distance itself clearly from the atrocities of the Nazi era and the politics of hate.”

Their actions, frankly, are to be applauded.

The point is that the Democrats had no issue with distancing themselves from hateful politicians, particularly when that hate was rooted in the political right-wing.

The views espoused by Omar and Tlaib are no less hateful. Rather than tolerate their brand of leftist-Islamist intolerance, the Democrats would do well to condemn hatred in all its forms and from whichever side of the political aisle it comes. https://worldisraelnews.com/analysis-democrats-refuse-to-confront-hate-when-its-on-their-team/




"Sweden is at war" jihad Erdogan attacked her!
by Judith Bergman
19 August 2019 https://it.gatestoneinstitute.org/14750/sweden-in-war
these dirty things to make dirty films (Rothschild xxx Obama) then, they went on to confront civilly with the sharia,
that in London all ills are treated on the tip of the jihad sharia knife, too.
for now Macron puts on doggy style and satisfies Mohammed and for now all is well: for him!

"La Svezia è in guerra"


di Judith Bergman
19 agosto 2019

Pezzo in lingua originale inglese: "Sweden is at War"
Traduzioni di Angelita La Spada



Condividi




Nel 2017, un rapporto della polizia svedese, "Utsatta områden 2017" ("Aree vulnerabili 2017"), mostrava che in Svezia c'erano 61 aree di questo tipo, con 200 reti criminali, costituite da circa 5 mila delinquenti. La maggior parte degli abitanti erano immigrati non occidentali e i loro discendenti.


A marzo, il Centro forense nazionale svedese ha stimato che dal 2012 il numero delle sparatorie classificate come omicidi o tentati omicidi è aumentato di quasi il 100 per cento.


"La Svezia è in guerra e sono i politici ad essere responsabili di questo. Per cinque notti di fila, molte automobili sono state date alle fiamme nella città universitaria di Lund. Tali atti irresponsabili sono avvenuti in centinaia di occasioni in vari luoghi della Svezia, negli ultimi quindici anni. Dal 1955 al 1985, non è stata bruciata nessuna auto a Malmö, Göteborg, Stoccolma o a Lund. (...) Nessuno di questi criminali è affamato o non ha accesso all'acqua potabile. Tutti hanno un tetto sopra la testa ed è stata offerta loro l'istruzione gratuita. (...) Non vivono in case fatiscenti. (...) Si chiama educazione, e migliaia di ragazze e ragazzi oggi ne sono sprovvisti nelle case svedesi." – Björn Ranelid, scrittore svedese, Expressen, 5 luglio 2019.



A marzo, il Centro forense nazionale svedese ha stimato che dal 2012 il numero delle sparatorie classificate come omicidi o tentati omicidi è aumentato di quasi il 100 per cento. (Fonte dell'immagine: iStock)


Nel 2018, la Svezia ha registrato un numero record di sparatorie letali, 306 in tutto. Quarantacinque persone sono state uccise e 135 sono rimaste ferite in tutto il paese; la maggior parte dei decessi sono avvenuti nella parte meridionale della Svezia, dove si trova Malmö. A marzo, il Centro forense nazionale svedese ha stimato che dal 2012 il numero delle sparatorie classificate come omicidi o tentati omicidi è aumentato di quasi il 100 per cento. Il Centro ha inoltre rilevato che l'arma maggiormente utilizzata nelle sparatorie è il fucile d'assalto kalashnikov. "Si tratta di una delle armi più fabbricate al mondo e utilizzata in molte guerre", ha dichiarato il team manager del Centro, Mikael Högfors. "Quando non servono più (...) vengono introdotti clandestinamente in Svezia".

Nei primi sei mesi del 2018, secondo la polizia, quasi ogni altra sparatoria ha avuto luogo in "un'area vulnerabile". Nel 2017, un rapporto della polizia svedese, intitolato "Utsatta områden 2017" ("Aree vulnerabili 2017'), mostrava l'esistenza di 61 di tali zone in Svezia, con 200 reti di criminalità, costituite da circa 5 mila criminali. La maggior parte degli abitanti erano immigrati non occidentali e i loro discendenti.

Nel rapporto del 2017, la polizia aveva scritto che i conflitti etnici globali si replicavano nelle aree vulnerabili:


"... la magistratura [svedese] e il resto della società [svedese] non comprendono questi conflitti né hanno risposte su come possono essere risolti. La polizia, pertanto, deve avere una maggiore conoscenza del mondo e una migliore comprensione degli eventi per interpretare ciò che sta accadendo nelle aree. La presenza di jihadisti di ritorno, di simpatizzanti di gruppi terroristici come lo Stato islamico, al-Qaeda e al-Shabaab, e di rappresentanti delle moschee di orientamento salafita, contribuisce alle tensioni tra questi gruppi e altri residenti nelle aree vulnerabili. Dall'estate del 2014, quando un Califfato venne proclamato in Siria e in Iraq, le contraddizioni settarie sono aumentate, soprattutto tra sunniti, sciiti, cristiani levantini e nazionalisti di origine curda". (p. 13)

Il 3 giugno scorso, la polizia ha diffuso una nuova lista che rivela l'esistenza odierna di 60 di queste zone, invece delle precedenti 61. Ciò non significa, tuttavia, che la situazione sia migliorata. Tutt'altro.

Nel 2019, le sparatorie continuano ancora a ritmo serrato. A Malmö – una città di più di 300 mila abitanti, un terzo dei quali è "nato all'estero", secondo le statistiche della città – il 10 giugno, un uomo di 25 anni è stato ucciso a colpi d'arma da fuoco davanti a un ufficio dei servizi sociali, mentre lo stesso giorno alla stazione centrale di Malmö, la polizia ha sparato a un uomo che avrebbe detto di avere una bomba nella sua borsa e che secondo quanto affermato si comportava in maniera minacciosa. Quella sera, due uomini sono stati uccisi nel quartiere di Lorensborg, a Malmö. Più tardi, quella stessa notte, due esplosioni hanno colpito la città.

A causa dell'aumento del numero di sparatorie, gli impiegati comunali ora si sentono talmente a disagio a lavorare in città che il Comune di Malmö ha pubblicato delle linee guida su come i dipendenti municipali – soprattutto quelli che lavorano nell'ambito dell'assistenza domiciliare, della riabilitazione e degli alloggi a breve termine – possono rimanere al sicuro in città mentre espletano le loro mansioni lavorative.

Sotto il titolo, "Sicurezza personale – suggerimenti e consigli su come evitare di ritrovarsi in situazioni indesiderate", il Comune consiglia ai suoi dipendenti di "Pianificare il vostro itinerario – conoscere la vostra zona (...) cercare di ridurre al minimo i tempi da quando parcheggiate la vostra bici/auto fino a quando non arrivate a destinazione". Inoltre, "prima di lasciare un edificio, date un'occhiata all'esterno e all'ambiente circostante per evitare di ritrovarvi in una situazione indesiderata (...) tenetevi lontano da persone considerate potenzialmente minacciose o pericolose e aumentate la distanza, se non ci sono altre persone nelle vicinanze".

Un dipendente comunale, che ha ricevuto le linee guida, ha accusato il Comune di ipocrisia: "Ai media, il Comune dice che va tutto bene, anche se non è così. Poi, invia questo genere di messaggi ai propri impiegati".

Le line guida del governo municipale sulla sicurezza sembrano appropriate per una zona di guerra civile, come una volta era Beirut, piuttosto che per la città di Malmö, un tempo pacifica.

Beirut viene in mente anche nella città svedese di Linköping, dove ai primi di giugno un'esplosione ha devastato un edificio residenziale, come accade in guerra. Miracolosamente, nessuno è rimasto ucciso nell'esplosione, ma 20 persone sono rimaste ferite. La polizia sospetta che l'episodio sia collegato alle gang. Poche settimane dopo, due uomini sono stati uccisi nel quartiere di Skäggetorp, a Linköping – che risulta essere nella lista stilata dalla polizia delle "aree vulnerabili", conosciute come "no-go-zones".

In seguito, il 30 giugno, in altri episodi legati alle bande, ci sono state tre sparatorie in tre differenti sobborghi di Stoccolma. Due persone, una delle quali è stata colpita alla testa, sono morte. Uno degli uomini assassinati, un rapper di nome Rozh Shamal, era stato precedentemente condannato per aggressione, rapina e per spaccio di stupefacenti, tra le altre cose. Quest'anno, solo a Stoccolma, sono già state uccise a colpi d'arma da fuoco undici persone – quante ne sono state uccise complessivamente nel 2018. Quest'anno in Svezia, più di venti persone sono state finora colpite a morte.

"Questa situazione è inaccettabile", ha affermato il capo del dipartimento operativo nazionale della polizia (Noa), Mats Löfving. "In molti casi, sono state utilizzate armi automatiche militari. Assistiamo a una riduzione del numero di persone ferite in atti di violenza armata, ma il numero degli omicidi non diminuisce".

L'1 luglio, il capo della polizia nazionale Anders Thornberg ha dichiarato che la situazione è estremamente grave". Tuttavia, egli ha affermato, la polizia non ha perso il controllo delle gang e il principale obiettivo è quello di fermare l'aumento del numero di giovani criminali. "Per ogni giovane che viene ucciso ce ne sono altri 10-15 nuovi, pronti a subentrare", ha asserito Thornberg. Solo pochi giorni dopo, tuttavia, egli ha aggiunto che gli svedesi dovranno abituarsi alle sparatorie nel prossimo futuro:

"Riteniamo che [le sparatorie e la violenza estrema] possano continuare per 5-10 anni nelle aree particolarmente vulnerabili", ha detto il capo della polizia. "Si tratta anche degli stupefacenti. Le droghe sono radicate nella società e la gente comune le compra. C'è un mercato in cui le bande continueranno a combattere".

Ulf Kristersson, leader del partito dell'opposizione Moderaterna, ha definito la situazione "estrema per un paese che non è in guerra".

Gli edifici bombardati e le sparatorie non sono tutto ciò che affligge la Svezia. Inoltre, le auto vengono regolarmente incendiate. Nella piccola e pittoresca città universitaria di Lund, vicino a Malmö si sono di recente registrati numerosi episodi di auto in fiamme. La polizia non ha ancora identificato i sospettati [di questi atti vandalici]. "Al momento, assistiamo a un aumento degli incendi delle auto, e ciò è chiaramente preoccupante", ha dichiarato Patrik Isacsson, responsabile della polizia locale di Lund. Ha notato che gli incendi in genere si intensificano durante i mesi estivi, ma questi episodi sono anche aumentati nel corso degli anni. "Noi non sappiamo ancora chi siano gli autori, pertanto, posso solo fare delle congetture, ma questo tipo di incendio doloso di solito è appiccato da persone giovani. Che tali incendi avvengano durante l'estate può essere dovuto al fatto che i giovani sono disoccupati e ce ne sono molti senza un impiego".

Ingela Kolfjord, una sociologa del diritto della Malmö University, ha così commentato: "Sono assolutamente convinta che si tratta di giovani che non hanno trovato il loro posto nella società, che sanno di non essere accettati, che il clima si è inasprito e che sono costantemente visti come 'l'altro'. Le auto incendiate non sono soltanto un modo per esprimere il loro malcontento, ma anche un modo per mostrare che sono frustrati, disperati e arrabbiati".

Lo scrittore svedese Björn Ranelid non è d'accordo. "La Svezia è in guerra e sono i politici ad essere responsabili di questo", ha scritto sull'Expressen.


"Per cinque notti di fila, molte automobili sono state date alle fiamme nella città universitaria di Lund. Tali atti irresponsabili sono avvenuti in centinaia di occasioni in vari luoghi della Svezia, negli ultimi quindici anni. Dal 1955 al 1985, non è stata bruciata nessuna auto a Malmö, Göteborg, Stoccolma o a Lund. (...) Quando una sociologa della Malmö University spiega che i crimini sono una conseguenza del fatto che i giovani sono frustrati (..) dice cose senza senso. (...) Ripete cose che potrebbero essere dette da un pappagallo. Nessuno di questi criminali è affamato o non ha accesso all'acqua potabile. Tutti hanno un tetto sopra la testa ed è stata offerta loro l'istruzione gratuita per nove o dodici anni. (...) Non vivono in case fatiscenti. Tutti loro (...) hanno avuto uno standard materiale più elevato nelle loro case rispetto a diverse migliaia di giovani e bambini che sono cresciuti a Ellstorp, a Malmö, dove ho vissuto. dal 1949 al 1966, insieme ai miei genitori e a due fratelli, in 47 metri quadrati, in due piccole stanze e una cucina".

E Ranelid ho così concluso:


"Si chiama educazione, e migliaia di ragazze e ragazzi oggi ne sono sprovvisti nelle case svedesi. Non è una questione di denaro o di dove si nasce nel mondo. Non ha nulla a che fare con la politica o con l'ideologia. È una questione di etica, moralità e convivenza tra le persone".

Il fenomeno delle auto in fiamme, frequente e diffuso, è solo uno dei nuovi aspetti della vita nella ex città idilliaca di Lund. A gennaio, un cosiddetto minore non accompagnato proveniente dall'Afghanistan, Sadeq Nadir, ha cercato di uccidere diverse persone nella città investendole con un'auto rubata. Sebbene il giovane abbia detto di essersi convertito al Cristianesimo, il materiale trovato nel suo appartamento ha mostrato che voleva fare jihad e diventare un martire. Ha dichiarato alla polizia che il suo intento era quello di uccidere. L'episodio è stato inizialmente classificato come un tentato attacco terroristico, ma poi l'accusa formulata è stata cambiata in tentato omicidio di dieci persone. Anche se Sadeq aveva ammesso la sua intenzione di uccidere, la Corte distrettuale svedese non ha ritenuto che il giovane potesse essere condannato per terrorismo o per tentato omicidio. Il Tribunale ha argomentato che l'imputato non stava guidando "abbastanza velocemente" da causare un concreto rischio di morte. Nella stessa ottica, sebbene fosse stato appurato che Sadeq aveva scritto dei testi sul jihad e sul martirio e aveva detto di agire per Allah, la Corte non ha rilevato che il giovane avesse agito per motivi di terrorismo religioso. È stato meramente dichiarato colpevole di aver causato pericolo ad altri e di averli minacciati.

Ma che cosa ne pensa il governo svedese di questa situazione violenta e instabile? Il primo ministro Stefan Löfven ha condannato le recenti sparatorie:


"Abbiamo considerevolmente rafforzato diverse sanzioni, tra cui le pene per la detenzione illegale di armi ed esplosivi come le bombe a mano. Abbiamo altresì conferito alla polizia maggiori poteri per (...) le telecamere di sorveglianza e la raccolta di informazioni".

Il 2 luglio, il governo ha presentato una serie di proposte per contrastare la violenza armata, comprese pene più severe per detenzione impropria di materiali esplosivi e nuovi poteri da conferire ai funzionari doganali per bloccare pacchi sospettati di contenere armi o esplosivi. Secondo l'opposizione, le proposte sono arrivate troppo tardi. "Si poteva farlo anche un anno fa. Non ci sono mai state così tante sparatorie in Svezia. Penso che sia ovvio per la maggior parte della gente che quanto fatto dal governo non è abbastanza", ha dichiarato Johan Forssell, membro del partito dell'opposizione, Moderaterna.

Solo il 6 giugno, in occasione della Festa Nazionale svedese, il premier Stefan Löfven, pur ammettendo che la Svezia "ha ancora gravi problemi sociali", aveva osservato: "Pochissime cose erano migliori in Svezia" prima:


"Ma pur pensando ai vecchi tempi come a un idillio, con cottage rossi e prati verdi, pochissime cose erano migliori prima. Durante la celebrazione della Festa Nazionale, credo che dovremmo festeggiare proprio questo, quanto abbiamo conseguito come paese. Abbiamo costruito un paese forte, in cui ci prendiamo cura gli uni degli altri. [Un paese] dove la società si assume la responsabilità e nessun uomo è lasciato solo".

Purtroppo, molti svedesi probabilmente si sentono terribilmente abbandonati a se stessi in un paese che assomiglia sempre più a una zona di guerra.


Judith Bergman è avvocato, editorialista e analista politica. È Distinguished Senior Fellow presso il Gatestone Institute.

====================



"Le ragazze cristiane sono esclusivamente destinate al piacere degli uomini musulmani"
di Raymond Ibrahim

Le città europee accettano la legge della sharia
di Giulio Meotti

La Francia sta lentamente precipitando nel caos
di Guy Millière

All'Unione Europea: I mullah iraniani non saranno mai vostri amici
di Majid Rafizadeh

Le "no-go zones" europee: realtà o finzione?
di Soeren Kern

Pakistan: "Le ragazze cristiane sono esclusivamente destinate al piacere degli uomini musulmani"

Nessun commento:

Posta un commento

I thank God for the success of my, His univeral political ministry, Unius REI.. universal secular theology, ie the metaphysics of natural law, the last hope of mankind before the empire satanism or the enlightned of NWO-IMF, 666, pharisees, do shoah against Israel. (the light against darkness) CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB. This place is sacred, I'm erecting the temple for my High Priest jew! This forces your efficiency, an angel is responsible for the observance of respect, dignity and truth of all these your statements.Nations have lost Their sovereignty occult powers: bank seigniorage enlightened: Masons Satanist are in control of history of people with: Council of Foreign Relations, Bilderberg Group, Trilateral Commission. 160.000 Martiri Cristiani, di ogni anno, e le motivazioni talmudiche, di Illuminati farisei FMI, salafiti del loro occultamento

DIO GUFO SODOMA ALLAH

DIO GUFO SODOMA ALLAH
BAAL MARDUK BOHEMIAN GOVE BUSH 322 KERRY

OCI ONU SHARIA salafiti Lega Araba in Siria

OCI ONU SHARIA salafiti Lega Araba in Siria
terroristi moderati OBAMA

my jhwh my jhwh Select 666 Country

Re di Israele

Re di Israele
e di Palestina: Unius Rei

my jhwh my jhwh Select 666 Country: holy my jhwh

☦️burn satan ☦️shariah Allah ☦️owl lilit Marduch burn JaBullOn Baal SpA: burn in Jesus's name, alleluia!

my jhwh Select 666 Country: holy my jhwh

Nella forza dei popoli per il riscatto della sovranità ferita

Nella forza dei popoli per il riscatto della sovranità ferita
il signoraggio deruba la sovranità costituzionale!

500 cristiani al giorno muoiono ancora oggi

500 cristiani al giorno muoiono ancora oggi
il massacro silenzioso dei cristiani (Antonio Socci)

300.000.000 di cristiani sono considerati criminali a causa della loro fede.

300.000.000 di cristiani sono considerati criminali a causa della loro fede.
500 di loro ogni giorno perdono la vita

DIO SANTO, FORTE E IMMORTALE.

DIO SANTO, FORTE E IMMORTALE.
ABBI PIETÀ di NOI e del MONDO INTERO!

la più grande truffa del genere umano! A dei privati S.p.A.

la più grande truffa del genere umano! A dei privati S.p.A.
in cambio di carta, diamo le nostre vite!

my jhwh Select 666 Country: holy my jhwh

my jhwh Select 666 Country: holy my jhwh


i am Unius REI in kingdom of Palestine